Prodotti

iPhone 13 Pro Super. Ultra. Pro.
Acquista uno dei modelli della gamma iPhone 13 a partire da 25€/mese senza anticipo.

iPhone 13 Pro Super. Ultra. Pro.

DAD e Cybersecurity: le difese di Google Workspace for Education

DAD e Cybersecurity: le difese di Google Workspace for Education dagli hacker

Le piattaforme per la didattica a distanza sono a prova di minacce informatiche? Google offre alle scuole di tutti gli ordini e i gradi un servizio basato sulla sicurezza informatica

21_dad-e-cybersecurity-le-difese-di-google-workspace-for-education
30.11.2021
time Tempo di lettura 3 minuti

In una recente dichiarazione, Giancarlo Valente, co-founder di Aulab, ha affermato: “L’apprendimento a distanza rappresenta oggi la norma anche per i minori, con gli studenti della scuola primaria e secondaria sempre più connessi alla rete. Questo fatto pone nuove sfide alla privacy e alla sicurezza informatica in generale, come dimostrato recentemente dall’attacco hacker che ha mandato fuori uso i registri elettronici subìto da Axios, società che rifornisce il servizio in non poche scuole italiane.”

 

Dunque, conformità e garanzie di tutela dai rischi della rete sono ormai presupposti imprescindibili, sempre più ricercati e richiesti dalle realtà scolastiche, che hanno declinato i propri programmi di insegnamento anche sul web.

Formazione 4.0 nell'era della DAD

Come si devono attrezzare scuole e università per essere competitive

 

WHITE PAPER

Le difese di Google Workspace for Education dagli hacker

Con la sua piattaforma “for education”, Google offre alle scuole di tutti gli ordini e i gradi, dalla Primaria alle Università, un servizio per l’apprendimento a distanza fondato sulla sicurezza informatica:

 

  • garanzie integrali e multilivello, capaci di sostenere l’incremento della domanda, offrendo una copertura pari al 99,9% del tempo di attività

  • solo i proprietari di account con ingresso univoco hanno possibilità di accesso a un dominio di Google for education, con un sistema che limita le attività di ciascun corso ai soli iscritti

  • Classroom, l’applicazione interna che permette di riunire più corsi in un unico strumento centralizzato, non mostra annunci commerciali e i dati personali degli studenti che vi accedono non vengono utilizzati per operazioni di direct marketing.

 

Google for education, anche attraverso i propri Chromebook, garantisce sicurezza e privacy durante ogni sessione di didattica a distanza, grazie anche all’adesione ai più rigorosi criteri internazionali relativi alla conformità e al controllo, con verifica dell’adeguatezza delle performance da parte di organizzazioni terze, tra queste:

 

  • FERPA (Family Educational Rights and Privacy Act)

  • COPPA (Children’s Online Privacy Protection Act del 1998)

  • Student Privacy Pledge sancito dal Future of Privacy Forum (FPF)

  • Software & Information Industry Association

  • ISO/IEC 27018:2014 (standard dei dati)

DAD e siscurezza: Come Google protegge i dati

In che modo la piattaforma “for education” si è attestata tra le più fidate nel panorama dei supporti informatici per la Didattica a Distanza, contrastando con efficacia ogni tentativo, da parte degli hacker, di accesso e manomissione dei dati?

 

Google ha indirizzato il suo impegno per la sicurezza e per la protezione della privacy, attraverso:

 

  • Il controllo nello spostamento dei file: Google cripta tutti dati contenuti di Gmail -inclusi gli allegati- e di Drive, in modo che tutti i messaggi siano protetti, sia nel trasferimento dal proprio pc ai server di Google, sia durante nelle movimentazioni interne ai data center di proprietà.

 

  • Il potenziamento dei Data Center, che si servono di sistemi hardware personalizzati e su quali sono stati, a loro volta, installati sistemi operativi e file system altrettanto specifici e adatti alle diverse esigenze e alle singole necessità degli utenti. Google monitora costantemente la memoria dei propri hardware e, per questo, è sempre in grado di reagire ai tentativi di illecito che possono insinuarsi.

Formazione 4.0 nell'era della DAD

Come si devono attrezzare scuole e università per essere competitive

 

WHITE PAPER

Cybersecurity, ovvero divieto di accesso ai dati personali

Ma si può essere davvero certi che chi condivide gli stessi server abbia accesso solo ai propri dati e non anche a quelli altrui?

 

Certamente: Google difende ciascun account isolandolo in una struttura sé stante, che impedisce al singolo utente di avere accesso e visualizzare i dati degli altri. Il criterio utilizzato dal motore di ricerca è paragonabile a quello adottato dalle banche online, specializzate nella ripartizione dei dati dei loro clienti. In questo modo, le informazioni riservate di ciascun utente della piattaforma “for education” sono trattate come se fossero ospitate su server propri e riservati, ai quali non è concesso l’accesso ad alcuno, se non al proprietario dei dati in persona.

 

Infine, con l’intento di mantenere i propri utenti sempre a conoscenza e aggiornati rispetto ai processi di gestione e di controllo dei dati personali, assicurando così la massima trasparenza delle procedure, Google ha pubblicato sul suo sito web non solo il testo integrale dell’Accordo “for education”, con il quale si impegna ad uniformarsi ai criteri di sicurezza e di privacy, ma anche il documento di Modifica del trattamento dei dati all'area di lavoro di Google, utile agli utenti per verificare in tempo reale le prestazioni, le procedure di controllo e l’operatività dei data center.

 

Grazie a queste solide procedure e all’adozione dei migliori strumenti per la gestione e il controllo della sicurezza, Google for education è sicuramente tra le piattaforme per la didattica a distanza che meglio sostengono la prova delle minacce informatiche e che sono sempre in grado di difendersi dai pericolosi attacchi degli hacker.

Ti potrebbe anche interessare