Gruppo TIM
 
Gruppo TIM
 
Fisso

PREMIUM FIBRA BUSINESS
La Fibra ftth1000 di TIM stabile e sicura,
con le migliori soluzioni digitali. Scopri di più

TIM Premium Fibra Business

Mobile

TIM DELUXE PLUS
Sicurezza e affidabilità per le linee mobili
della tua azienda. Scopri di più

TIM Deluxe Plus

Prodotti

IPHONE 14 PRO
Acquista uno dei nuovi iPhone a partire da 29€ al mese, con pagamento a rate e protezione Kasko inclusa. Scopri di più

iPhone 14 Pro

Dall’indicizzazione alla destrutturazione dei documenti: i nuovi trend

Dall’indicizzazione alla destrutturazione dei documenti: i nuovi trend

Indicizzazione documenti e dati non strutturati: un patrimonio da sfruttare per ottimizzare costi e processi

21_dall-indicizzazione-alla-destrutturazione-dei-documenti--i-nuovi
07.12.2021
time Tempo di lettura 3 minuti

Gestire i documenti non strutturati rappresenta il principale trend con cui devono fare i conti tutte le organizzazioni che si trovano oggi ad affrontare le criticità legate a un data management sempre più complesso. E sta diventando sempre più centrale per le imprese di qualsiasi dimensione e settore. Secondo le proiezioni di IDC, infatti, entro il 2025 l’80% dei dati mondiali non sarà strutturato.

 

È inoltre un trend che si affianca ad altri complementari, come l’utilizzo sistematico delle informazioni disponibili per effettuare analisi avanzate e la creazione di un tipo di conoscenza che sia rilevante e praticabile per le specifiche esigenze aziendali.

 

Queste tendenze hanno tutte un elemento comune: l’applicazione di tecniche per indicizzare i dati.

Che cosa sono i dati non strutturati?

I dati non strutturati sono tutti quei dati che non rientrano o non appartengono a un database e che forniscono un tipo di informazione qualitativa. Gli archivi in cui sono raccolti e organizzati i documenti destrutturati sono costituiti da testo e da altri formati, inclusi foto e audio, come per esempio:

 

  • file di testo (e-mail, fogli di calcolo e presentazioni),

  • dati da mobile come messaggi SMS,

  • contenuti multimediali (foto, video e file audio),

  • dati scientifici (dati atmosferici o studi e report accademici),

  • video e foto di sorveglianza digitale.

 

Ma la nuova ondata di dati non strutturati proviene sempre più da fonti esterne all’organizzazione, solitamente nella forma di contenuti postati e condivisi sui social media, di dati provenienti da dispositivi “intelligenti” IoT, di dati geografici, di query sui motori di ricerca e molte altre.

Un contesto complesso ma ricco di opportunità

A causa di questa varietà e complessità la gestione dei documenti destrutturati è estremamente impegnativa e costosa. I dati non strutturati non possono essere facilmente archiviati in un database e hanno attributi che li rendono difficili da cercare, modificare e analizzare.

 

Le organizzazioni che vogliono sfruttare l’immenso patrimonio informativo incorporato in questi dati si stanno orientando su nuove soluzioni tecnologiche pensate per migliorare la raccolta e l’organizzazione dei dati. L’impresa ha bisogno oggi di strumenti che siano in grado di indicizzare, interpretare creativamente ed estrarre valore dai documenti destrutturati.

Indicizzazione dei documenti: alla base dei più avanzati sistemi di gestione documentale

Il lavoro di squadra e la condivisione di documenti e informazioni sono elementi fondamentali di un’efficiente gestione delle attività di qualsiasi azienda. E un sistema di gestione documentale efficace fornisce da questo punto di vista un supporto essenziale alle imprese, impattando sulla produttività e l’efficienza dei dipendenti.

 

Un sistema di gestione documentale, infatti, centralizza le informazioni aziendali, permette di evitare duplicati e semplifica l’attuazione delle policy di sicurezza, creando le condizioni per una piena e flessibile condivisione dei documenti. In questo modo l'azienda può utilizzare tutte le informazioni disponibili, conservare il proprio know-how e ottimizzare i propri processi interni.

 

Momento fondante di ogni sistema di gestione documentale è l’indicizzazione dei documenti.

 

L’indicizzazione dei documenti digitali o digitalizzati è quell’area dell’informatica e della scienza dell’informazione che utilizza software e metodi automatizzati per raggiungere tre importanti obiettivi, in tempi rapidi e con costi contenuti:

  • organizzare raccolte di documenti anche molto vaste e articolate

  • semplificare la ricerca di contenuti all’interno di quelle stesse raccolte

  • archiviare in modo organizzato i dati per poterli più facilmente visualizzare e usare

Indicizzare i documenti destrutturati: tutti i vantaggi

L’indicizzazione e l’elaborazione dei documenti destrutturati possono aumentare la competitività di un'organizzazione, migliorare l'esperienza del cliente e fornire informazioni più significative su varie attività aziendali. L’elaborazione intelligente dei documenti consente di ottenere una serie di importanti vantaggi:

 

  • ottimizzazione dei costi

  • prevenzione degli errori

  • produttività incrementata

  • integrazione dati ottimizzata.

 

Il patrimonio di informazioni di un’azienda rappresenta uno dei suoi asset più importanti. Per questo motivo i sistemi che gestiscono questo patrimonio sono al centro di trend destinati ad assumere sempre maggiore rilevanza e fanno ormai parte parte integrante dei processi strategici e di business.

Comunicazione omnicanale efficace

I 10 step per una total experience.

 

INFOGRAFICA

Ti potrebbe anche interessare