App per la produttività in Cloud: l'azienda è ormai multidevice e agile

n piena era di work transformation, le app per la produttività basate sul cloud, abilitano modalità agili, connesse e collaborative

21_app-per-la-produttivita-in-cloud
time Tempo di lettura 3 minuti

Le app per la produttività, basate sul cloud sono il fondamento dell’agile working e abilitano un nuovo modo di lavorare che svincola l’attività da spazi e strumenti predefiniti, nonché da orari vincolanti. Considerando i fatti dell’ultimo anno, l’adozione non può che essere in costante ascesa, testimoniando il ruolo centrale del cloud nel percorso di trasformazione del lavoro che molte grandi aziende hanno intrapreso ormai da anni. Lo dimostrano i numeri: se in Italia l’adozione dei servizi SaaS (Software as-a-service) è cresciuta del 46% nel 2020 (fonte: Osservatorio PoliMI), il mercato globale delle app per la produttività, basate sul cloud è previsto in crescita con un CAGR del 20,9% fino al 2027, quando varrà 37,8 miliardi di dollari (via: BusinessWire).

App per la produttività in cloud e le esigenze delle aziende

Di fronte a un agile working sempre più diffuso, per le grandi aziende è prioritario trovare la formula giusta per massimizzare produttività ed employee engagement senza concedere nulla sul fronte della sicurezza e della compliance, fattori che vengono messi a durissima prova da una forza lavoro diffusa che lavora in modo più libero, responsabilizzato (si parla di empowerment) ed in modalità seamless con ogni tipologia di device, come notebook, tablet e smartphone. Rispetto a quest’ultimo aspetto, un’altra priorità è il perfezionamento della user experience, fattore che incide sulla produttività ma non è semplice da gestire da quando, appunto, i dispositivi di lavoro sono letteralmente moltiplicati.

 

Le app per la produttività in cloud sono la risposta a tutte queste esigenze. Ma con una precisazione: devono far parte e confluire in un’unica piattaforma integrata e sinergica. Ciò risulta fondamentale al fine di semplificare i processi, evitare la frammentazione del software, abbattere eventuali silos organizzativi e di comunicazione, centralizzare la sicurezza e, cosa tutt’altro che secondaria, poter ricorrere all’automazione. In questo modo, inoltre, l’azienda può concretamente creare engagement: quando la forza lavoro si avvale degli stessi strumenti, è (virtualmente) nello stesso luogo e ha a disposizione non solo tool di produttività ma anche di comunicazione, è più semplice sviluppare processi collaborativi che favoriscono l’innovazione.

Workspace in una app

Per una nuova digitalizzazione: l’ufficio in un’app

 

WHITE PAPER

La centralità del cloud nel modello di lavoro agile

Perché il cloud è alla base di un nuovo modo di lavorare, agile e multidevice? I motivi sono diversi e vanno dall’accessibilità alla resilienza del cloud, dal successo del modello as-a-service all’assenza di investimenti a supporto della piattaforma.

 

  • Scalabilità

    È una delle principali doti del cloud . Le app per la produttività basate sul cloud vengono erogate come servizio (as-a-service) e si avvalgono della scalabilità pressoché illimitata del public cloud. Il modello è più efficiente rispetto al tradizionale on-premise poiché permette all’azienda di disinteressarsi dell’hardware e dell’acquisto di software specifici, e di poter usufruire di un servizio sempre allineato alle esigenze del business.

  • Modello di costi ricorrenti (Opex)

    Il tradizionale investimento in conto capitale (Capex) è quindi sostituito da un modello di costi ricorrenti (Opex) che variano proporzionalmente alle esigenze aziendali. L’impresa spende in funzione delle sue reali necessità e non tiene impegnati capitali in risorse che magari non usa o usa solo parzialmente..

  • Limitati investimenti in hardware e competenze

    Lavoro agile significa fornire alla propria forza lavoro gli strumenti necessari per lavorare senza vincoli di spazio, di orario e di device utilizzati. Al di là di ciò, non sono però previsti altri investimenti in hardware né c’è bisogno di competenze specialistiche per la gestione del ciclo di vita del software: la continuità del servizio, l’accessibilità, la risoluzione dei problemi e gli aggiornamenti continui sono a carico del fornitore del servizio. L’azienda può avvalersi di personale interno o consulenti esterni per la configurazione della piattaforma, per le integrazioni e, aspetto di primaria importanza, per la formazione e tutto il percorso di change management.

  • Accessibilità, sicurezza e resilienza del cloud

    Le app per la produttività basate sul cloud fanno propria la sicurezza e la resilienza del public cloud, assicurata da processi e tecnologie all’avanguardia. Le piattaforme integrano opzioni e tecnologie di sicurezza di livello enterprise e si basano su un’infrastruttura resiliente, capace di garantire un uptime prossimo al 100% e quindi la massima attenzione alla business continuity.

Workspace in una app

Per una nuova digitalizzazione: l’ufficio in un’app

 

WHITE PAPER

Ti potrebbe anche interessare