Gruppo TIM
 
Gruppo TIM
 
Fisso

PREMIUM FIBRA BUSINESS
La Fibra ftth1000 di TIM stabile e sicura,
con le migliori soluzioni digitali. Scopri di più

TIM Premium Fibra Business

Mobile

TIM DELUXE PLUS
Sicurezza e affidabilità per le linee mobili
della tua azienda. Scopri di più

TIM Deluxe Plus

Prodotti

IPHONE 14 PRO
Acquista uno dei nuovi iPhone a partire da 29€ al mese, con pagamento a rate e protezione Kasko inclusa. Scopri di più

iPhone 14 Pro

Dal PNRR un’occasione unica per l’evoluzione dei sistemi urbani

Dal PNRR un’occasione unica per l’evoluzione dei sistemi urbani

Con il PNRR le città saranno più digitali e connesse: sostenibilità, qualità, sicurezza e competitività economica. Ecco tutte le opportunità di intervento offerte dal Piano di Ripresa e Resilienza.

pnrr-evoluzione-sistemi-urbani
09.05.2022
time Tempo di lettura 5 minuti

Il PNRR rappresenta un’occasione unica per incentivare l’evoluzione dei sistemi urbani. Molteplici le opportunità di intervento previste dal Piano per rendere le città più digitali e connesse migliorandone sostenibilità, qualità e sicurezza, ampliando al contempo la competitività economica di imprese ed esercizi commerciali presenti sul territorio.

 

Dall’efficienza energetica alla mobilità, dalla sicurezza alla riqualificazione degli spazi urbani, dalla transizione ecologica al sostegno al turismo e alla ricchezza dei territori, fino alla digitalizzazione degli enti locali: il tema Smart City permea in maniera trasversale gran parte del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e delle sue Missioni. Proprio perché gli ambiti applicativi che rientrano nella sfera di influenza delle città intelligenti sono molteplici, il potenziale degli interventi previsti dal Piano è molto ampio.

Smart City e tecnologie ICT per la governance del territorio

Il miglioramento del profilo digitale delle aree urbane attraverso il sostegno delle tecnologie ICT più evolute, viene sostenuto anche attraverso lo sviluppo di piattaforme di governance del territorio, che consentano ai city manager di sviluppare “intelligenza” dai dati relativi al contesto urbano e che siano di aiuto a predisporre e pianificare adeguati interventi di prevenzione e/o risposta allo sviluppo costante delle città.

 

La città smart è infatti un vero e proprio catalizzatore di dati che si fonda sulla sinergia tra cittadini, infrastrutture pubbliche e imprese private. I dati possono provenire dalle fonti più eterogenee, fra cui troviamo:

 

  1. i database “pubblici”, come ad esempio i sistemi GIS o dell’Anagrafe edifici;
  2. i dati del trasporto pubblico locale;
  3. le interazioni social per misurare la sentiment analysis dei fruitori dei servizi offerti dal territorio;
  4. le previsioni meteo utili per prevenire le emergenze;
  5. i dati di conteggio presenze e pedonabilità delle diverse aree urbane;
  6. le immagini satellitari spettroscopiche opportunamente processate per una vista globale dei parametri ambientali acquei, atmosferici e del terreno.

 

Un ruolo cruciale viene svolto dai sensori IoT e dalle moderne tecniche di analisi video, che consentono di raccogliere e trasmettere in tempo reale dati di monitoraggio di tutti i tipi. 

Le città digitali del futuro: come saranno?

Le città digitali diventeranno realtà in poco tempo per merito dello sviluppo di tecnologie all’avanguardia e degli investimenti previsti dal PNRR. In una città evoluta è possibile avere visione in real time di:

 

inquinamento atmosferico/acustico,

presenza di assembramenti o situazioni di rischio,

stato degli alvei fluviali per prevenire i rischi da allagamenti, 

condizioni statico-dinamiche di infrastrutture critiche come ponti o viadotti,

emergere di situazioni a rischio sicurezza in aree potenzialmente rischiose grazie alla video-analysis,

numero e tipologie di veicoli sulle principali arterie stradali,

stato di salute e puntualità dei mezzi del TPL,  

disponibilità di parcheggi pubblici e rispetto delle relative politiche di pricing.

 

 

In questo contesto, un ruolo di game changer sarà svolto dalla nuova tecnologia mobile 5G e la sua capacità di gestire oltre 1milione di sensori per km2, grazie a cui la sensoristica potrà essere sempre più capillare.

 

I dati raccolti in cloud e gestiti secondo i più stringenti requisiti di sicurezza, possono essere elaborati grazie alle più recenti metodologie di analytics, intelligenza artificiale e machine learning per effettuare analisi real-time, predittive e simulazioni, per supportare i city manager nel prendere le decisioni più opportune a beneficio della collettività.

 

Le piattaforme digitali di data management e urban intelligence, abilitanti il modello smart city, hanno un ruolo centrale negli obiettivi ambientali della transizione ecologica e del digitale del PNRR perché il futuro delle città intelligenti dipende (molto) dalla sostenibilità che si riuscirà a ottenere.

Le soluzioni tecnologiche offerte dalle Smart City

In sintesi, una vera città intelligente deve poter offrire le adeguate soluzioni tecnologiche per integrare e gestire le tante componenti che la compongono:

 

  1. Smart People: per coinvolgere le persone a contribuire al raggiungimento degli obiettivi green & digital;
  2. Smart Living: per garantire accesso e migliore fruibilità dei servizi educazione, salute, cultura, sicurezza;
  3. Smart Mobility: per ridurre l’impatto ambientale con una mobilità urbana efficiente con integrazione di mezzi pubblici e veicoli elettrici;
  4. Smart Economy: per una gestione più efficiente grazie all’innovazione tecnologica e alla collaborazione fra pubblico e privato;
  5. Smart Governance: per mettere al centro capitale umano, risorse ambientali, relazioni e beni della comunità; 
  6. Smart Environment: per sostenere la gestione ottimizzata dei consumi e delle risorse aumentando l’efficienza degli edifici, la gestione dei rifiuti, l’illuminazione pubblica con soluzioni smart grid e smart metering.

 

Tali dimensioni possono essere esplorate in maniera organica grazie alla “urban intelligence” che permette una visione olistica e data driven delle ricadute sul territorio delle policy implementate a livello politico.

 

Per approfondire tutte le soluzioni che possono beneficiare delle agevolazioni del PNRR, ti invitiamo a consultare la sezione del sito dedicata alla Smart City.

 

Scopri quali di queste offerte TIM abilitano i progetti Smart Citycontattaci per maggiori informazioni.

L’offerta di TIM Business per l’Agricoltura 4.0

Nell’ambito dell’offerta per l’Agricoltura 4.0 troviamo:

 

 

TIM Easy Farm:  fornisce alle aziende della filiera agroalimentare un sistema completo di strumenti e informazioni per controllare con precisione, comodamente da PC o in mobilità tramite tablet o smartphone, i fattori che determinano la salute delle piante, le esigenze di irrigazione, le condizioni climatiche. In questo modo, le aziende possono gestire al meglio le attività e intervenire in maniera tempestiva e mirata in caso di necessità, migliorando la qualità del raccolto e aumentando la redditività.

 

Inoltre, TIM Easy Farm, grazie alla tecnologia blockchain e alla raccolta dei dati dai sensori in campo e dalle attività registrate nel quaderno di campagna, permette di estrarre le informazioni rilevanti ai fini della tracciabilità di filiera in modo trasparente, sicuro e immutabili, facendole confluire in una pagina visibile al consumatore finale e raggiungibile tramite QRcode.

 

TIM Agri Tracker è l’offerta IoT per la gestione ed il monitoraggio da remoto dei mezzi agricoli impiegati nel mondo dell’agricoltura.

Un'offerta pensata per chi vuole tenere sotto controllo e ottimizzare l’uso delle macchine agricole a trazione autonoma.

TIM Agri Tracker, insieme alle funzioni di localizzazione e monitoraggio delle macchine, permette di pianificare al meglio il lavoro di ciascuna di esse, oltre a ottimizzare gli interventi di manutenzione e raccogliere preziose informazioni sulle condizioni di esercizio.

 

TIM Easy Drone Agricolture è il servizio che offre un quadro dettagliato dello stato di salute di un'area agricola adibita a viticoltura e/o olivicoltura, grazie all'analisi e correlazione dei dati provenienti da stazioni pluviometriche e da rilievi multispettrali effettuati da droni.

Quanto elaborato viene interpretato da un Consulente Agronomo ed inserito in un report rilasciato al Cliente, su piattaforma Cloud, in cui sono circoscritte le aree sofferenti che richiedono attenzione ed eventuali necessità di interventi mirati con prodotti fitosanitari, prima che insorgano patologie che possano mettere a rischio la produzione.

 

 

Per approfondire tutte le offerte che possono beneficiare delle agevolazioni di transizione 4.0, invitiamo a consultare la sezione del sito dedicata alla Smart Farm e Smart Factory

 

Scopri quali di queste soluzioni TIM abilitano la transizione, contattaci per maggiori informazioni.

Pensati per te