Scuola digitale la partnership TIM e Google

La scuola digitale oggi può contare su una eccezionale partnership: TIM e Google insieme

TIM diventa partner di Google for Education, la piattaforma più completa per la scuola digitale

21_scuola-digitale-partnership-tim-google
time Tempo di lettura 2 minuti

La legge di Bilancio 2021

Per la scuola digitale la legge di Bilancio 2021 prevede un investimento di 40 milioni di euro in più rispetto al passato, insieme allo stanziamento di ulteriori specifiche risorse per potenziare l’azione amministrativa e didattica nelle scuole. Sono, inoltre, confermati e potenziati i team formativi di docenti che si occupano dell’attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale. I team avranno l’obiettivo di accelerare i processi di digitalizzazione all'interno degli istituti scolastici e di promuovere le azioni di formazione del personale e di potenziamento delle competenze degli studenti sulle metodologie didattiche innovative e sulla didattica digitale integrata. Occorre ora guardare oltre l’emergenza, continuando ad investire sul digitale nelle scuole. In questa direzione va anche il lavoro che sta portando avanti il Miur per mettere a disposizione delle scuole, a partire dal prossimo anno scolastico, una piattaforma digitale unica, contenente tutti i servizi e le funzionalità utili per le scuole, compresi gli strumenti per la didattica digitale.

Uniti dall’inizio

A seguito dell’emergenza Covid-19, per rispondere all’appello del Ministero dell’Istruzione, Google, TIM e WeSchool, si sono attivate velocemente per supportare tutte le scuole italiane affinché potessero proseguire le normali attività didattiche grazie ai dispositivi digitali.

 

Ciascuno ha messo in campo le proprie risorse:

 

Google attraverso la Google Workspace for Education con cui gli insegnanti hanno creato occasioni di apprendimento a distanza con i loro studenti, migliorato la collaborazione e promosso una comunicazione più efficiente, inclusa la possibilità di seguire videolezioni a distanza.

 

TIM, in collaborazione con WeSchool, attraverso un help desk on line, ha potuto fornire un supporto sia tecnico sia didattico a tutti i professori, studenti e genitori che hanno avuto bisogno di aiuto per attivare e utilizzare gli strumenti di Google.

 

TIM e Google hanno cercato insieme di favorire l’adozione e la fruizione della piattaforma gratuita Google Workspace for Education, che oggi è la più utilizzata nelle scuole grazie anche alle precise istruzioni pubblicate sul sito del MIUR.

 

A completare la partnership, TIM e Google hanno messo a disposizione tutorial, contenuti e un servizio di Help Desk gratuito con operatori in grado di soddisfare le richieste dei docenti, i quali si sono trovati improvvisamente a dover gestire la didattica a distanza attraverso una piattaforma che non era conosciuta da tutti.

Il cambiamento del modo di lavorare

Cos'è la collaborazione e la comunicazione integrata

 

INFOGRAFICA

TIM diventa Google for Education Partner

Oggi, TIM è orgogliosa di comunicare di aver ricevuto la certificazione di Google for Education Partner. Questa importante certificazione permette di migliorare il nostro intervento a favore della digitalizzazione delle istituzioni scolastiche e delle università per garantire il normale proseguimento delle attività didattiche in presenza, da remoto oppure in modo integrato, sempre in modalità gratuita.

 

L’obiettivo congiunto è quello di coprire l’intero processo/catena del valore: dalle soluzioni applicative per la didattica digitale integrata, basate su Google Workspace for Education, con i relativi servizi di assistenza specialistica e formazione, alla connettività (fissa e mobile), alle soluzioni di security, fino ai dispositivi Chromebook Samsung in offerta esclusiva per i clienti TIM.

 

A tale proposito, TIM BUSINESS è attualmente molto attiva nella programmazione di una serie di eventi ed iniziative rivolte alle persone e alle istituzioni scolastiche, sempre con l’obiettivo di affrontare le nuove sfide della didattica digitale integrata.

Ti potrebbe anche interessare