Prodotti

iPhone 13 Pro Super. Ultra. Pro.
Acquista uno dei modelli della gamma iPhone 13 a partire da 25€/mese senza anticipo.

iPhone 13 Pro Super. Ultra. Pro.

Migliorare il posizionamento SEO con i contenuti

Come migliorare il posizionamento con contenuti SEO friendly

Gli elementi fondamentali del copywriting e del content design

21_come-migliorare-il-posizionamento-con-contenuti-seo
26.03.2021
time Tempo di lettura 4 minuti

Qualsiasi attività di comunicazione e marketing online deve porsi l’obbiettivo di raggiungere il maggior numero di potenziali lettori e clienti che siano realmente interessati a quello che abbiamo da offrire. Creare dei contenuti in ottica seo friendly, ovvero pensati per posizionarsi al meglio sui motori di ricerca come Google, è il migliore strumento per far incontrare la domanda e l’offerta.

 

Ecco alcuni consigli sui fattori da tenere in conto per realizzare un’attività di copywriting e content design di successo.

L’offerta: chiarire la nostra mission e la nostra unicità

Prima di tutto, dobbiamo avere molto chiaro chi siamo, cosa offriamo, cosa ci distingue dai nostri competitori e cosa desideriamo dai nostri potenziali utenti. Domande fondamentali, apparentemente semplici, ma spesso sottovalutate. Eppure tutto parte da qui: dobbiamo proporre quello che abbiamo realmente da offrire. E ricordiamolo: se non siamo dei canali di informazione, interessati principalmente alla pubblicità, non è tanto importante ricevere il maggior numero di visite ma far sì che i nostri utenti compiano le azioni desiderate, come fare un acquisto o una donazione, lasciare il proprio contatto o anche solo venire a conoscenza della nostra attività locale. È questo aspetto che definirà il nostro successo, ovvero il ritorno dell’investimento sulla creazione dei contenuti.

La domanda: essere centrati sui nostri utenti

Chi sono i nostri potenziali clienti? Che caratteristiche ha il nostro target? Cosa cercherà sul web? Come lo cercherà? Si può provare a rispondere a queste domande creando dei profili ideali degli utenti che descrivano le varie tipologie di persone indicandone le caratteristiche principali. Su questa base, si possono scrivere brevi storie che raccontino non solo chi sono i nostri utenti ma anche quale problema, desiderio o necessità li spingerà a cercare sul web e come e quando le loro aspettative potranno dirsi soddisfatte. In questo modo identificheremo, tra le altre cose, il loro intento di navigazione, che può essere diviso in tre categorie principali: informazionale se è indirizzato ad avere delle informazioni (“cos’è il content marketing?”), transazionale se mirano ad effettuare un acquisto (“migliore offerta internet”), navigazionale se serve a raggiungere un sito specifico (“Tim Business”).

La guida pratica per lanciare il tuo Shop Online

 

WHITE PAPER

Il linguaggio: keyword e stile di comunicazione

Una volta che abbiamo chiaro chi sono i nostri potenziali lettori, possiamo identificare il tipo di linguaggio che utilizzeranno per effettuare le ricerche e quale tipo di stile è più adatto per comunicare con loro. Scegliere le parole chiave migliori riveste un ruolo fondamentale nel fare incontrare con successo la domanda e l’offerta, a partire da quelle utilizzate nei titoli e nei contenuti della landing page del sito sino ad arrivare alle keyword più specifiche dei contenuti secondari. Esistono vari strumenti online che possono aiutarci ad analizzare le parole chiave o i gruppi di parole chiave più utilizzate dagli utenti e anche quelle di cui si servono i nostri competitori. È utile, nel fare questo, tenere a mente la distinzione tra keyword short tail, semplici e generali, e keyword long tail, più specifiche e generalmente composte da più parole. La soluzione migliore è creare un buon mix tra le due tipologie: le keyword short tail sono infatti molto popolari ma subiscono anche, per la stessa ragione, un’enorme concorrenza e non è detto che riescano a definire con precisione il nostro target.

Gli strumenti: testi, foto, video

Anche nella scelta degli strumenti di comunicazione da utilizzare si tratta di trovare un dialogo proficuo tra le nostre caratteristiche specifiche e le preferenze comunicative dei nostri potenziali utenti per creare contenuti variati che ne intercettino le preferenze. Anche se soltanto l’analisi specifica del nostro target potrà dirci quale amalgama tra testi, video e foto vada bene per il nostro sito, oggi è molto difficile che la comunicazione funzioni senza una componente visiva forte e ben curata.

Il tempo: frequenza e calendario

È importante aggiornare il nostro sito di nuovi contenuti e togliere dalle posizioni rilevanti quelli che non sono più attuali. Senza andare a discapito della qualità: è meglio avere una frequenza di pubblicazione un po’ più lenta, coerente con le nostre possibilità, ma con contenuti di ottimo livello che produrre materiali molto simili tra loro e poco curati. Quando progettiamo di realizzare un nuovo contenuto dobbiamo anche considerare il calendario di pubblicazione, sia nei termini della fascia oraria più adatta (soprattutto per il rilancio sui social network) sia rispetto al periodo dell’anno perché gli stessi criteri di indicizzazione subiscono delle variazioni. Per esempio, durante il periodo del black friday, Google da molta rilevanza ai contenuti commerciali e fornisce linee guida per impostare la campagna migliore.

L’evoluzione: analisi e messa a punto

Sia il web che la nostra attività sono in continuo mutamento: cambiano i desideri e gli intenti dei nostri clienti, le nostre proposte, e gli stessi criteri di indicizzazione. Per questo, soprattutto all’inizio e una volta scelta l’impostazione di fondo, la strada migliore è di procedere con piccoli esperimenti di evoluzione e adattamento della strategia sulla base dell’analisi dei risultati ottenuti. Questa cura costante darà i risultati più significativi già nel medio termine: impareremo ad aumentare il numero di utenti che riusciamo a intercettare dentro a un rapporto sano tra investimento e ritorno sull’investimento.

La guida pratica per lanciare il tuo Shop Online

 

WHITE PAPER

Ti potrebbe anche interessare