Come fare una campagna marketing per il tuo negozio

Come fare una campagna marketing per il tuo negozio

La campagna marketing alla base del successo del tuo business

21_come-fare-una-campagna-marketing-per-il-tuo-negozio
time Tempo di lettura 5 minuti

Pubblicizzare il sito

Mai più di oggi gli acquisti passano per il web. Si stima infatti che, nel 2020, più di 2 miliardi di persone abbiano fatto acquisti online, e il 65% degli acquisti sia iniziato online. Questo significa che, a prescindere da dove si sia poi completato l’acquisto, il primo passo del cliente è avvenuto online. Questo è il motivo per cui è estremamente importante per un negozio avere un sito web, completo di e-commerce o anche solo come vetrina.

 

Ovviamente puoi pubblicizzare il tuo sito internet nel tuo negozio fisico, scrivendone l’URL sui biglietti da visita, sacchetti personalizzati e altro ancora; ma il modo più efficace di assicurarti visibilità online, è assicurarsi che il sito sia facilmente trovabile sui motori di ricerca. Il primo essenziale (e gratuito!) step è registrare la tua attività su servizi come Google My Business, che ti permetterà di essere facilmente individuabile sulle mappe e di risultare in una ricerca correlata alla tua attività (come per esempio “negozi di scarpe vicino a me”). Potrai, nel tuo profilo, inserire i dati di contatto, gli orari di apertura e, ovviamente, un collegamento diretto al tuo sito internet.

 

Inoltre, è importante avere un buon posizionamento organico nei motori di ricerca. Per ottenerlo segui le best practices della SEO tecnica e fai particolare attenzione alla redazione dei contenuti, puntando su keyword che siano attinenti al negozio e ai prodotti, ma non troppo comuni. Per esempio, se il tuo negozio vende strumenti musicali, anziché usare come keyword “strumenti musicali” o “chitarre”, entrambe molto battute, puoi pensare di utilizzare “tracolle per chitarre” o “custodie per chitarre”. Altra buona pratica è creare contenuti ad hoc, scattando foto degli spazi fisici e della merce che vendi e scrivendo testi caratterizzanti. Questo perché i motori di ricerca riconoscono e premiano i contenuti originali, che non si trovano in altri siti web. Oltre a questo, avere un URL credibile (con certificato di sicurezza) migliora il posizionamento SEO.

Come fare una campagna social e quale social utilizzare se sei un negoziante

Per creare una campagna social efficace, una delle chiavi fondamentali è conoscere bene i tuoi clienti e il tuo pubblico. Ogni demografica ha, infatti, differenti preferenze in termini di social: i giovanissimi prediligono TikTok; i giovani adulti, i cosiddetti millennial, si trovano sulla maggior parte dei social, ma hanno una predilezione per Instagram; mentre gli over 35 frequentano principalmente su Facebook. Conoscere i diversi target ti permetterà di massimizzare i risultati ottenuti dalla campagna senza sprecare tempo, forze e denaro su un social che i tuoi clienti non usano.

 

Una volta aperti una pagina o un profilo professionale sul social giusto per il tuo negozio, è importante partire da buone basi: ricordati di curare sempre le immagini e i testi dei post, rendili accattivanti e informativi. Ricorda che ogni post (e ogni commento) comunica al cliente l’identità del tuo negozio e influisce sulla sua immagine. Più te ne prenderai cura, più il cliente avrà un’idea positiva del tuo negozio e se ne ricorderà. Per far sì che i clienti sappiano della tua pagina social, esponi nel negozio fisico le informazioni utili per raggiungerti online: puoi farlo vicino alla cassa, sui biglietti da visita, con un poster o aggiungendo una decalcomania con i riferimenti social, così che siano visibili anche dai passanti.

 

Così come per l’email e sms marketing, per far sì che i clienti decidano di seguirti sui social, però, questi devono offrire loro un valore aggiunto: puoi usare i social per dare anteprime esclusive sui nuovi arrivi a catalogo, oppure offrire sconti dedicati specificatamente ai follower social, che dovranno commentare o mostrare di aver condiviso il tuo post per poter usufruire della promozione. Inoltre, i social network permettono di “mettere in evidenza” un determinato post o inserire un'inserzione a pagamento così che siano visibili anche a persone che ancora non seguono la tua pagina, ma potrebbero essere interessate ai tuoi prodotti. Ricorda sempre che la crescita di follower sui social è sempre molto lenta: non ti scoraggiare se non vedi risultati immediati!

A chi rivolgersi per ingaggiare influencer

Un ulteriore modo per farsi pubblicità sui social media è ingaggiare degli influencer per parlare del tuo negozio sul loro profilo. L’influencer marketing è una strategia ottima per far conoscere un’attività a un pubblico specifico, già interessato a determinati prodotti, perché si sfrutta una fonte che il pubblico stesso già trova affidabile. Contattare gli influencer che possano fare al caso tuo, è più facile di quanto ti potresti aspettare: molti hanno, tra le informazioni del loro profilo, un indirizzo email cui scrivere per proporre collaborazioni commerciali. Spesso questo indirizzo fa capo a loro stessi o, in caso di influencer più “grandi”, al loro management.

 

In caso tu non abbia le idee chiare su chi esattamente contattare per promuoverti, ci sono delle piattaforme come Tribe, BuzzSumo o Flocker, che possono aiutarti a trovare gli influencer migliori o che già stanno parlando del tuo brand.

 

Ricorda che gli influencer ricevono decine di email con proposte di collaborazioni e sponsorizzazioni, per cui fai in modo di farti notare; rivolgiti sempre per nome all’influencer, anche nell’oggetto dell’email, e dimostra di aver fatto un’attenta ricerca e di sapere qualcosa dei contenuti che lui/lei porta su internet solitamente. Spiega nel dettaglio perché vorresti collaborare e in che modo pensi il tuo prodotto sia interessante per i suoi followers.

La guida pratica per lanciare il tuo Shop Online

 

WHITE PAPER

Investire in una campagna di marketing

Quando strutturi una campagna di marketing digitale per la tua attività, ci sono due principali aree su cui è possibile investire denaro: i social network e i motori di ricerca. Entrambi offrono la possibilità di creare annunci pubblicitari, ma con modalità molto diverse. È quindi importante scegliere attentamente dove allocare il proprio budget.

 

I social network offrono la possibilità di creare inserzioni a pagamento grazie alle quali, stanziando un budget che rispecchi le tue necessità, potrai promuovere l’attività. Durante la creazione degli annunci potrai scegliere un pubblico di destinazione in base a variabili come età, genere e interessi, decidere posizionamento e durata della tua inserzione e inserire call to action o caroselli che attirino l’attenzione dei clienti. Questo tipo di promozione ha spesso un buon ritorno in quanto raggiunge un pubblico scelto da te e presenta all’utente la possibilità immediata di agire, interagendo con la pagina o seguendo la call to action proposta.

 

Anche i motori di ricerca permettono la creazione di annunci a pagamento collegati a una particolare keyword, come le campagne Google AdWords Questi annunci hanno diversi vantaggi, in quanto sono di natura “pay-per-click” e colpiscono solo persone che stanno già attivamente cercando il tuo prodotto. Ma si tratta di campagne ADV complesse da gestire: i motori di ricerca, infatti, indicono delle vere e proprie aste per ogni spazio collegato ad una determinata keyword e la competizione è spesso estremamente alta. Non basta infatti offrire un prezzo più alto per vincere l’asta, ma la pagina che si vuole sponsorizzare deve avere una forte pertinenza con la parola chiave per essere scelta, rendendo il processo ancora più difficile. È quindi una strategia sicuramente vincente, anche se è meglio farsi aiutare da un’agenzia specializzata in digital marketing.

Ti potrebbe anche interessare