Migrare SAP in Cloud: vantaggi di business

SAP 2027: tutto quello che bisogna sapere sulla deadline

Per SAP il 2027 rappresenta il passaggio definitivo a SAP S/4HANA: un passo evolutivo che permette alle aziende di rispondere alle future esigenze di business.

21_sap-2027-quello-che-bisogna-sapere-sulla-deadline
time Tempo di lettura 4 minuti

Per i sistemi SAP il 2027 rappresenta un’importante scadenza e, per molte aziende ciò significherà portare a termine un processo di migrazione sicuramente impegnativo, ma che aprirà loro le porte a un business data driven, con minori costi e maggiori opportunità di crescita.

 

Si tratta di una migrazione importante, verso la suite ERP integrata e intelligente SAP S/4HANA, passo evolutivo necessario per rispondere alle attuali e future esigenze dei processi di business data-driven e real time. Un passaggio che, inoltre, apre la strada alla definitiva consacrazione del cloud come ambiente di riferimento per le piattaforme ERP.

 

Nella roadmap del prodotto ERP più conosciuto e utilizzato, infatti, la data del 27 dicembre 2027, sarà il momento in cui l’azienda tedesca dismetterà gli aggiornamenti e il supporto alle vecchie applicazioni.

 

In poche parole, ciò significa che, una volta superata la data di scadenza, le aziende non riceveranno più gli aggiornamenti funzionali e di sicurezza delle applicazioni legacy e non avranno più accesso ai servizi ufficiali di assistenza tecnica.

 

Nonostante si possa prolungare il periodo di tempo prima della improcrastinabile sostituzione della vecchia piattaforma attraverso una migrazione alla nuova S/4HANA fino al 2030 – sostenendo però dei costi aggiuntivi di “extended maintenance” – questa scelta non è consigliabile.

 

Infatti, l’evoluzione del prodotto e la conseguente, drastica, decisione da parte di SAP di forzare l’aggiornamento delle vecchie applicazioni installate alla nuova versione, è propedeutica al cambio di paradigma immaginato per le aziende moderne e smart.

 

Il passaggio a SAP S/4HANA è, infatti, il passo evolutivo che permetterà alle aziende di rispondere efficacemente e velocemente alle future esigenze di business, che richiederanno sempre di più decisioni in real time e, soprattutto, una trasformazione in data-driven company.

 

Da un punto di vista tecnologico, la migrazione alla nuova versione permetterà l’ottimizzazione dei processi manutentivi e renderà molto più accessibile l’implementazione di servizi di business continuity e di disaster recovery, riducendo al tempo stesso i costi di gestione.

 

SAP 2027 è, quindi, un processo di razionalizzazione che, a differenza di quanto accade oggi per molte aziende che dispongono di un parco di applicazioni con differenti livelli di versione e di aggiornamento, porterà il management a implementare un percorso di migrazione in linea con le possibilità di spesa e che garantirà, a differenza del passato, un aggiornamento tecnologico e una uniformità delle funzionalità utilizzate che aumenterà sicurezza ed efficienza.

Multicloud

Tutta la flessibilità che serve alle Aziende

WHITE PAPER

 

SAP 2027, le difficoltà della migrazione

Il principale problema delle aziende non è decidere se effettuare o meno la migrazione a S/4HANA ma scegliere il momento più adatto per compiere il passaggio.

 

Secondo una ricerca effettuata da IDC su 300 clienti SAP in tutto il mondo nel giugno del 2019, infatti, soltanto il 18% degli intervistati aveva già in produzione S/4HANA mentre la grande maggioranza (il 73%) non aveva ancora una data stabilita di migrazione e il 54% stava considerando un orizzonte di tre anni per la migrazione.

 

Secondo gli analisti di IDC, questa criticità nascerebbe dal fatto che soltanto nel 23% dei casi l’implementazione di S/4HANA avverrebbe nelle condizioni ideali, mentre nel 77% dei casi alle aziende non basterebbero le risorse interne e dovrebbero pertanto ricorrere a partner esterni.

 

Inoltre, per quelle aziende che nel corso degli anni hanno fortemente personalizzato l’ERP di SAP il passaggio alla nuova suite potrebbe richiedere elevati oneri in aggiunta ai costi necessari per il cambio di database e di sistema operativo, richiesti da HANA.

 

A questo va aggiunto il fatto che le aziende si troveranno di fronte a importanti decisioni strategiche che riguarderanno la standardizzazione delle piattaforme di sistema, la scelta di utilizzare infrastrutture on premise o in cloud e, in questo ultimo caso, se optare per una versione ibrida, pubblica o privata.

I vantaggi della migrazione

Nonostante le evidenti difficoltà e i costi che un tale passaggio comporta, sono altresì evidenti i vantaggi e i benefici che scaturiranno da questa scelta. SAP 2027, in realtà, è una grande opportunità che permetterà alle aziende clienti SAP di rendere più moderni i sistemi operativi aziendali.

 

La nuova versione S/4HANA, infatti, utilizza unicamente il database in-memory Hana e un pacchetto applicativo completamente rinnovato, con grandi migliorie funzionali e di interfaccia ma, soprattutto, nativo cloud.

 

Ecco allora che è la soluzione giusta per affrontare il futuro, perché offre ampia flessibilità alle aziende, sia per la gestione dei big data con funzionalità di Artificial Intelligence e Analytics avanzati, sia per il funzionamento in cloud che faciliterà gli altri progetti di migrazione aziendali.

 

In uno scenario di business che da anni scommette sul cloud, sia ibrido sia privato, per le aziende che dovranno passare a SAP S/4HANA in cloud si prospetta la scelta di uno strumento che rende ancora meno problematica la migrazione: Google Cloud Platform.

 

Ecco allora che con questa implementazione di piattaforma e di infrastruttura, le aziende potranno contare su dati più accessibili, analizzabili, fruibili, in modalità sicura, profilata e agile. E il connubio tra S/4HANA e Google Cloud Platform aprirà alle aziende un mondo nuovo per espandere il proprio business.

Multicloud

Tutta la flessibilità che serve alle Aziende

WHITE PAPER

 

Ti potrebbe anche interessare